Dal clavicembalo al pianoforte: storia di uno strumento che riscalda il cuore

Non tutti sanno che il pianoforte è uno strumento con una storia antica. La sua nascita risale al Seicento e ha un antenato illustre: il clavicembalo.

L'eleganza del pianoforte deriva da quella di uno strumento che ne è stato precursore. Si tratta del clavicembalo, strumento che viene ancora oggi usato per eseguire musica antica e il cui suono ha anticipato la ricchezza dinamica del pianoforte moderno.

Che differenza c’è tra il clavicembalo e il pianoforte?

La più importante differenza tra clavicembalo e pianoforte risiede nel modo in cui le corde vengono messe in vibrazione. Nel clavicembalo vengono pizzicate dai plettri, ossia delle lamette messe in movimento dai tasti. Nel pianoforte, invece, i tasti muovono dei martelletti che colpiscono le corde, facendole vibrare. Di conseguenza il suono del clavicembalo risulta praticamente privo di dinamiche e non si può variare la sua intensità. Al contrario, nel pianoforte il suono risulta più o meno potente, a seconda della forza con la quale si colpiscono i tasti.

Inoltre il clavicembalo è privo di pedali, mentre il pianoforte ne ha due. Uno serve ad azionare gli smorzatori, cioè dei cuscinetti che fermano la corda nel momento in cui il tasto viene rilasciato, per avere un suono netto. L’altro invece è il pedale del mezzavoce, che sposta leggermente i martelletti, in modo che non colpiscano tutte le corde corrispondenti a un tasto, ottenendo così un volume più contenuto.

L’evoluzione dal clavicembalo al pianoforte

Il clavicembalo è uno strumento molto antico: è di origine rinascimentale ed è nato nel XIV secolo in Italia, per poi diffondersi in tutta Europa. Originariamente, con il termine "clavicembalo", si indicavano anche strumenti a tastiera più piccoli, come la spinetta e il virginale.

Per tutto il periodo Barocco il clavicembalo divenne uno strumento molto amato nelle case nobiliari. Agli inizi del Settecento, l’italiano Bartolomeo Cristofori inventò il sistema di leve e martelletti che sono alla base del funzionamento del moderno pianoforte. Lo strumento, chiamato inizialmente "fortepiano", venne poi perfezionato nel corso dell’Ottocento fino a diventare il pianoforte che oggi tutti conosciamo.

L’emozione di un concerto in casa

Crea un'atmosfera magica, improvvisando un piccolo concerto in casa: bastano poche note per emozionare e creare un’esperienza memorabile. Affinché tutto sia perfetto, però, anche l’ambiente gioca la sua parte. Un grado può fare la differenza e noi di Bosch lo sappiamo bene!

La caldaia Condens 7000i W è pensata per rispondere a qualunque esigenza. Abbinata al termostato smart EasyControl ti consente di gestire la temperatura di casa in qualsiasi momento, anche da smartphone!

Con la temperatura perfetta è tutta un'altra musica!