Esport, ecco come farli diventare una carriera

Dalla loro nascita, i videogame si sono evoluti incredibilmente, tanto da diventare un vero e proprio sport, noto con il nome “Electronic sport”, che offre concrete opportunità per diventare professionisti e far carriera.
Fin dalla loro nascita, i videogame hanno sempre avuto un enorme successo. Quello dei videogiochi è un hobby condiviso da persone di tutte le età e che, grazie ai salti da gigante compiti dalla tecnologia negli ultimi decenni, offre oggi moltissime possibilità.

Se inizialmente i videogiochi erano considerati soltanto un passatempo, oggi la loro diffusione ha aumentato il livello di competitività tra i giocatori, tanto da portarli a sfidarsi in veri e propri tornei e campionati, fino ad arrivare alla coniazione del termine Esport, ossia Electronic Sport. Sebbene in Italia ancora non abbiano raggiunto lo stesso grado di popolarità di altri Paesi, come ad esempio il Giappone, la fama degli Esport sta crescendo continuamente, così come il numero di praticanti. Infatti è proprio in Italia che si conta il maggior numero di donne appassionate di “sport digitali” rispetto agli altri Paesi d’Europa: ben il 43%. Come per tantissime altre discipline sportive, anche attorno agli Esport si è creato un vero e proprio business, un giro d’affari con cifre e montepremi da capogiro. Naturale quindi che molti giovani sognino di diventare videogiocatori professionisti. Ma come si può trasformare una passione in una carriera? Ecco alcuni consigli per diventare dei campioni degli Esport.

Gli Esport più praticati in Italia

Come prevedibile, in Italia lo sport più amato anche a livello virtuale rimane il calcio, un vero e proprio marchio identitario per il nostro Paese. Seguono i cosiddetti Moba, ovvero i Multiplayer Online Battle Arena, giochi di squadra nei quali la strategia è tutto per riuscire ad abbattere le forze nemiche. Anche a livello internazionale i Moba risultano essere tra le categorie di Esport più amate e, non a caso, sono proprio questi i giochi nei quali i montepremi sono più alti. Diventare un professionista non è facile: la competizione è alta, ma giungere in vetta alle classifiche dei migliori player di certo ripaga gli sforzi!

Come diventare un giocatore professionista

Per poter diventare un player professionista, l’ingrediente principale è ovviamente la pratica! Concentrati sul gioco e allenati con tutto l’impegno possibile. Quando pensi di aver raggiunto un buon livello di dimestichezza e ritieni che i tuoi risultati siano buoni, significa che è arrivato il momento di fare sul serio! Per migliorarti organizza delle partite multiplayer con i tuoi amici, in modo da poter fare pratica e imparare nuove tecniche di gioco. Quando ti sentirai sufficientemente preparato, potrai partecipare ai primi tornei. La scelta del team è molto importante: riuscire a entrare in un buon team di professionisti significa avere maggiori possibilità di successo. Ecco perché non ti basterà essere bravo, dovrai anche riuscire a farti notare dalle squadre migliori e risultare appetibile ai loro occhi!

Per dare il meglio è importante allenarsi in un ambiente che sia sempre accogliente e confortevole, in ogni stagione. Le pompe di calore Bosch sono la soluzione ideale per avere sempre la giusta temperatura, in estate come in inverno, riducendo i consumi nel rispetto dell’ambiente. Con le pompe di calore Bosch potrai dedicarti al tuo allenamento, immerso nel massimo comfort e senza distrazioni.