Come smaltire un condizionatore

Quando si prende la decisione di acquistare un nuovo climatizzatore per sostituire un vecchio impianto, occorre organizzarsi correttamente per smaltire il prodotto e dismetterlo in totale sicurezza. Si tratta infatti di rifiuti particolari, che a causa delle sostanze presenti al loro interno, necessitano di un preciso processo di smaltimento. Ma come funziona esattamente lo smaltimento? Vediamo come smaltire il vecchio condizionatore e quali norme occorre rispettare per non inquinare l’ambiente.

Smaltimento condizionatore: regole e normative

Smaltimento condizionatore: regole e normative

Il processo di smaltimento di un condizionatore non deve essere sottovalutato. Tutti i condizionatori sono apparecchi elettrici ed elettronici e contengono al loro interno gas refrigeranti che, se rilasciati nell’ambiente e nell’atmosfera, possono causare danni all’ecosistema.

Per questo motivo sono state emanate leggi specifiche per gestire il corretto smaltimento di questa tipologia di rifiuti. Secondo la normativa vigente, il condizionatore deve essere portato in un Centro di Raccolta che può essere sia all’interno di piazzole comunali dedicate oppure in strutture autorizzate ad occuparsi dello smaltimento. Il processo viene interamente gestito da installatori professionisti: i Sistemi collettivi RAEE (Rifiuto di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), infatti, si occupano del trasporto delle apparecchiature nei centri di trattamento specializzati dove si completano le operazioni di riciclo dei materiali.

Rifiuto RAEE: che cos’è

All’interno dei Centri di Raccolta il condizionatore diventa un rifiuto RAEE ossia un rifiuto di apparecchiature elettriche ed elettroniche e, come tale, deve essere trattato nel rispetto di rigidi criteri di sicurezza. All’interno della categoria RAEE rientrano tutti gli elettrodomestici, le apparecchiature informatiche e di illuminazione e i sistemi di telecomunicazione. Occorre trattarli con accortezza poiché risultano altamente inquinanti per l’ambiente a causa della presenza di sostanze tossiche e per il fatto di essere non biodegradabili.

Ciò rende impossibile gestire i rifiuti RAEE nel tradizionale sistema di raccolta differenziata rendendo necessario un trattamento specifico per recuperare i materiali di cui sono composti. In particolare, i RAEE sono soggetti a direttive europee recepite in Italia con il Decreto Legislativo n.151 del 25 luglio 2005.

Smaltimento condizionatore: ci sono dei costi?

Quando si desidera smaltire il vecchio climatizzatore, ci sono generalmente due possibilità:

Sostituzione del condizionatore: il consumatore acquista un nuovo climatizzatore e consegna il precedente elettrodomestico al negoziante. Il ritiro è obbligatorio e gratuito presso il punto vendita.

Dismissione del condizionatore: se si vuole solo smaltire l’elettrodomestico, è possibile consegnare gratuitamente l’apparecchio pressi i Centri di Raccolta.

Dunque, non sono previsti costi per il processo di smaltimento, dal momento che apparecchi come i condizionatori split fino a 12 kW di potenza hanno già incluso nel prezzo di acquisto un contributo chiamato ECR, ovvero Eco contributo RAEE, pensato appositamente per finanziare il procedimento di smaltimento.

Inoltre, se lo smaltimento non avviene in maniera corretta, sono previste sanzioni esclusivamente per i produttori in quanto inadempienti nel finanziamento del sistema oppure per coloro che operano nel settore come gli addetti al riciclo.

Smaltimento condizionatore: consigli

Smaltimento condizionatore: consigli

Data la complessità della procedura, il consiglio è di affidarsi a personale esperto e qualificato per smaltire il vecchio condizionatore: la disinstallazione, infatti, deve essere svolta da operatori provvisti di patentino F-gas, un documento obbligatorio che certifica l’autorizzazione a gestire gas fluorurati, responsabili dell’effetto serra. Questa tipologia di materiali, inoltre, deve essere trasportata attraverso furgoni abilitati e adibiti al trasporto di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche nonché iscritti all’Albo nazionale gestori ambientali.

Le tecnologie e i prodotti del mondo della termotecnica sono in continua evoluzione così come il contesto normativo può risultare estremamente dinamico e complesso. Per questo Bosch fa riferimento ad una rete di professionisti ed esperti del settore che coltivano la propria professionalità, aggiornandosi costantemente sulle ultime tecnologie e sul quadro normativo vigente.

Preventivo gratuito pompa di calore Bosch

Richiedi subito un preventivo gratuito per un condizionatore Bosch

Vorresti installare un condizionatore a marchio Bosch? Richiedi subito un preventivo gratuito e affidati ai nostri Professionisti per trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze!

Richiedi un preventivo

Pompa di calore Bosch
Riscaldamento, climatizzazione e acqua calda sanitaria

Scopri tutte le soluzioni a marchio Bosch per la tua casa.

Prodotti