Smaltire la vecchia caldaia

Le caldaie da smaltire e gli altri componenti dell’impianto di riscaldamento, come ad esempio i termostati, sono considerati RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), al pari di grandi e piccoli elettrodomestici, in quanto anch’essi funzionano con l’energia elettrica. Si tratta dunque di dispositivi che vanno smaltiti secondo precise procedure sulle quali è bene informarsi prima di procedere. Come ogni RAEE, anche la caldaia deve essere smaltita in maniera adeguata, per consentire il corretto recupero dei componenti ed evitare di arrecare danni all’ambiente che potrebbero comportare delle sanzioni.

Dove smaltire la caldaia

Dove smaltire la caldaia

Ci sono diverse modalità per smaltire una vecchia caldaia, tutte equivalenti dal punto di vista della sicurezza e della correttezza di smaltimento. In occasione della sostituzione della caldaia, l’installatore potrà ritirare il vecchio dispositivo e farsi carico dello smaltimento secondo le norme vigenti.

In alternativa è possibile rivolgersi a enti o aziende specializzati nello smaltimento di questa tipologia di rifiuti, che ritireranno la vecchia caldaia ed eseguiranno la procedura per smaltirla senza disperdere sostanze pericolose nell’ambiente. Infine è possibile portare la vecchia caldaia presso le isole ecologiche presenti nella propria città. Indipendentemente dal tipo di caldaia da smaltire, è sempre consigliato informarsi contattando l’azienda che nel proprio comune si occupa dello smaltimento di rifiuti non ordinari. In questo modo è possibile venire a conoscenza delle corrette procedure per smaltire una vecchia caldaia e delle possibilità offerte dalla propria città.

Quanto costa smaltire una caldaia?

Quanto costa smaltire una caldaia?

Le aziende costruttrici contribuiscono attivamente al corretto smaltimento delle caldaie, sovvenzionando le isole ecologiche attraverso i consorzi a cui aderiscono. Il consumatore infatti non deve sostenere alcun costo per lo smaltimento della caldaia, qualora la porti nelle isole ecologiche. Negli altri casi sopra citati, delegando lo smaltimento della caldaia ad altre aziende, è a discrezione di queste ultime richiedere un pagamento al consumatore per il servizio di smaltimento offerto.

È bene quindi informarsi preventivamente sulle modalità e sui costi previsti per lo smaltimento della caldaia per decidere l’opzione più adatta al proprio caso.

Certificato di corretto smaltimento della caldaia

Lo smaltimento di una vecchia caldaia è una procedura specifica, che richiede l’elaborazione di una documentazione che attesti la correttezza delle operazioni eseguite. Il certificato di corretto smaltimento viene redatto dall’azienda che ritira il rifiuto e che si occupa concretamente del suo smaltimento.

Se si vuole accedere agli incentivi fiscali previsti dal conto termico è necessario fornire in sede di richiesta anche tale documentazione attestante il corretto smaltimento della vecchia caldaia. Senza il rilascio di questo certificato infatti non è certo che la procedura effettiva di smaltimento sia stata eseguita in modo corretto.

È dunque fondamentale consegnare la vecchia caldaia soltanto ad aziende specializzate e riconosciute, che provvedano ad un corretto smaltimento in linea con le leggi sui rifiuti RAEE in vigore.

Bosch da sempre si impegna per mettere a disposizione dei propri clienti prodotti all’avanguardia, che rispettino l’ambiente in ogni momento del loro ciclo di vita. Per questo, Bosch è un’azienda associata a Cobat , consorzio per il corretto smaltimento dei rifiuti RAEE sia in ambito domestico che professionale.

Preventivo gratuito caldaia Bosch

Richiedi subito un preventivo gratuito per una caldaia Bosch

Vorresti installare una caldaia a marchio Bosch? Richiedi subito un preventivo gratuito e affidati ai nostri Professionisti per trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze!

Richiedi un preventivo

Pompa di calore Bosch
Riscaldamento, climatizzazione e acqua calda sanitaria

Scopri tutte le soluzioni a marchio Bosch per la tua casa.

Prodotti