Finanziaria e relativi aggiornamenti

Ecobonus e ristrutturazioni

Migliorare l’efficienza energetica del tuo sistema di riscaldamento significa aumentare il comfort della tua casa riducendo le emissioni inquinanti. Scopri come ottenere le detrazioni fiscali sugli interventi di efficientamento energetico.

Detrazioni fiscali

La Legge di Bilancio 2023 riconferma per quest'anno le detrazioni fiscali sulle spese per gli interventi sul risparmio energetico.

L'Ecobonus è l’incentivo per la riqualificazione energetica degli edifici e consiste in una detrazione fiscale dall’Irpef o dall’Ires concessa quando si eseguono interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.

In particolare, l’incentivo Ecobonus è usufruibile per 10 anni e prevede una detrazione fiscale al 65% per le spese sostenute per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale e produzione di acqua calda sanitaria con impianti dotati di pompa di calore, o scaldacqua in pompa di calore, o con impianti dotati di caldaia a condensazione almeno in classe A con contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti o con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con la caldaia a condensazione o l’installazione di impianti solari termici.

Inoltre, è prevista una detrazione fiscale al 50% per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaia a condensazione almeno in classe A (senza termoregolazione evoluta) e per la sostituzione di caldaie nelle centrali termiche con modelli a condensazione.

Ricordiamo che, con l’entrata in vigore - attraverso la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale - del Decreto Legge n.157 del 11.11.2021, l’articolo 121 comma 1-ter del D.L. n.34/2021 e sue modifiche prevede che per tutte le detrazioni fiscali (Ecobonus) a sostegno della riqualificazione edilizia ed energetica degli edifici, in caso di scelta del cliente finale in favore dello sconto in fattura e della cessione del credito, a partire dal 12 novembre 2021 tutti gli interventi debbano essere corredati di visto di conformità e asseverazione della congruità delle spese sostenute.

Per maggiori dettagli consulta i Vademecum ENEA

SCOPRI LE CALDAIE A CONDENSAZIONE CHE BENEFICIANO DEGLI INCENTIVI (PDF 0.2 MB)

DICHIARAZIONE DI EFFICIENZA BOSCH PER CALDAIE CERAPURMAXX E CONDENS 7000 F (PDF 0.5 MB)

SCOPRI LE POMPE DI CALORE BOSCH CHE BENEFICIANO DEGLI INCENTIVI (PDF 0.2 MB)

SCOPRI I SISTEMI IBRIDI BOSCH CHE BENEFICIANO DEGLI INCENTIVI (PDF 2.2 MB)

SCOPRI GLI SCALDA ACQUA IN POMPA DI CALORE BOSCH CHE BENEFICIANO DEGLI INCENTIVI

SCOPRI I SISTEMI SOLARI TERMICI BOSCH CHE BENEFICIANO DEGLI INCENTIVI (PDF 0.1 MB)

ECOBONUS 90% (nuovo Superbonus)

La Legge di Bilancio 2023 (G.U. n. 303 del 29 dicembre 2022, S.O. n. 43, Legge 29 dicembre 2022, n. 197) ha introdotto l'Ecobonus al 90% (ex Superbonus 110%), una detrazione fiscale in 4 quote annuali per i seguenti interventi di efficientamento energetico:

  • interventi di isolamento termico: si richiede che il cappotto termico ricopra più del 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio e che i materiali isolanti impiegati rispondano ai requisiti richiesti dal decreto Ambiente del 2017;
  • interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati dotati di: caldaie a condensazione con efficienza energetica stagionale del riscaldamento d’ambiente almeno pari alla classe A; pompe di calore e sistemi ibridi; impianti di microcogenerazione; collettori solari per la produzione di acqua calda destinati alla climatizzazione invernale, alla climatizzazione estiva (nel caso di pompe di calore reversibili), e alla produzione di acqua calda sanitaria;
  • per gli edifici unifamiliari o per unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari purché siano indipendenti, interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti dotati di: caldaie a condensazione con efficienza energetica stagionale del riscaldamento d’ambiente almeno pari alla classe A; pompe di calore e sistemi ibridi; impianti di microcogenerazione; collettori solari per la produzione di acqua calda destinati alla climatizzazione invernale, alla climatizzazione estiva (nel caso di pompe di calore reversibili), e alla produzione di acqua calda sanitaria; scaldacqua in pompa di calore, in sostituzione di scaldacqua tradizionali.

Di seguito trovate le nuove scadenze emanate con la Legge di Bilancio 2023:

  • Proprietari di villette e edifici unifamiliari: è possibile ottenere l'agevolazione per le spese sostenute fino al 31/12/2023, in base al reddito annuo e al nucleo familiare;
  • Condomini e singoli proprietari di edifici da 2 a 4 unità immobiliari: è possibile beneficiare dell'Ecobonus 90% per tutte le spese sostenute fino al 31/12/2023; negli anni successivi, le aliquote varieranno come segue:
    • 70% per le spese sostenute entro il 31/12/2024
    • 65% per le spese sostenute entro il 31/12/2025

Per poter beneficiare dell’Ecobonus al 90%, è richiesto che gli interventi apportati consentano il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio. Se ciò non fosse possibile, è necessario certificare il conseguimento della classe energetica più alta, mediante l'Attestato di Prestazione Energetica (APE) rilasciato dal tecnico abilitato.

Tutti i dettagli e la documentazione relativa all'Ecobonus 90% sono disponibili sul sito http://www.governo.it/

ECOBONUS 110%

Sarà possibile beneficiare ancora dell'Ecobonus 110%, introdotto con il Decreto Legge n° 34 cd. Rilancio, pubblicato in Gazzetta Ufficiale in data 19 Maggio 2020 e convertito in Legge n.77 il 17 luglio 2020, solo nei seguenti casi:

  • Condomini: se la Cilas è stata presentata entro il 25 novembre 2022, previa approvazione dell'assemblea, o se è stata presentata dopo tale data ma comunque entro il 31 dicembre 2022;
  • Villette e edifici unifamiliari: il 110% si potrà ottenere fino al 31 marzo 2023, soltanto se alla data del 30 settembre 2022 erano già stati completati almeno il 30% dei lavori.

BONUS RISTRUTTURAZIONE

Oltre all’ECOBONUS, è stato prorogato anche il BONUS RISTRUTTURAZIONE che consiste in una detrazione fiscale dall’Irpef al 50% sulle spese sostenute per ristrutturare le abitazioni o le parti comuni di edifici residenziali.

In particolare, possono essere detratti interventi di manutenzione straordinaria finalizzati al risparmio energetico, quindi ad esempio la sostituzione di un impianto di climatizzazione invernale obsoleto con un impianto dotato di un generatore ad alta efficienza.

Scegli di investire nella qualità dei prodotti Bosch: il vantaggio è doppio!

Per maggiori informazioni visita il sito www.acs.enea.it
Scopri maggiori dettagli sulla ristrutturazione edilizia sul sito dell'Agenzia delle Entrate
Scopri maggiori dettagli sulla riqualificazione energetica sul sito dell'Agenzia delle Entrate

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate, nella sezione “Agenzia Informa”, è possibile consultare la Guida sull’agevolazione per le ristrutturazioni edilizie.

Questa illustra nel dettaglio quali sono gli interventi agevolabili, i soggetti che possono fruire della detrazione, le modalità di richiesta del bonus, le modalità di pagamento dei lavori, l’elenco dei documenti da conservare.

Clicca qui per consultare la Guida