Il sistema di riscaldamento nelle seconde case: quale scegliere

Individuare il sistema di riscaldamento nelle seconde case costituisce una scelta importante e che deve essere presa con il supporto di professionisti del settore. Le peculiarità di ogni singolo immobile e la necessità di ridurre i costi senza rinunciare al comfort abitativo sono alcuni elementi ai quali porre attenzione.

Seconde case e riscaldamento: le soluzioni possibili

La scelta del sistema di riscaldamento per le seconde case segue generalmente dei criteri diversi da quelli adottati per l’abitazione in cui si trascorre la maggior parte dell’anno. Infatti, si tende a ricercare una soluzione che possa garantire un ambiente confortevole contenendo, allo stesso tempo, le spese.

Un elemento da considerare è il periodo dell’anno in cui viene maggiormente utilizzato l’immobile. Se si tratta di una casa al mare è più verosimile che venga utilizzata durante il periodo estivo, quando le temperature sono più elevate e, di conseguenza, bisognerà assicurarsi che il sistema scelto possa garantire una buona climatizzazione dell’ambiente; al contrario se si tratta di un immobile in montagna è più probabile che il periodo invernale sia privilegiato, quando le temperature sono più rigide: in questo caso, si propenderà per una soluzione capace di assicurare un habitat confortevole anche con temperature più rigide.

Inoltre, è opportuno valutare se l’immobile è dotato di termosifoni o di un sistema di riscaldamento a pavimento in modo da poter scegliere il generatore più adatto al sistema di distribuzione presente:

  • termosifoni: all’interno dei termosifoni, usualmente, scorre l’acqua ad una temperatura di massimo 80°C. Portare l’acqua a questa temperatura può risultare oneroso dal punto di vista energetico (e dei costi che ne derivano) a meno che non si scelga una caldaia a condensazione . Questo dispositivo può raggiungere elevate temperature di mandata, utilizzando parte del calore che altrimenti andrebbe perso nei fumi di scarico.
  • riscaldamento a pavimento: questo secondo sistema di diffusione prevede che l’acqua che scorre nei tubi collocati sotto al pavimento raggiunga al massimo 30°C, grazie al fenomeno dell’irraggiamento. Qualora siano presenti i pannelli radianti è possibile collegarsi ad una pompa di calore : questa soluzione consente di utilizzare una fonte d’energia rinnovabile per produrre il calore necessario.
Si ricorda, inoltre, che è possibile valutare la possibilità di creare un impianto di riscaldamento ibrido che combina diverse tecnologie, come la pompa di calore e la caldaia a condensazione, per poter massimizzare le prestazioni dell’impianto e aumentare il comfort abitativo. Questo tipo di soluzione ecocompatibile viene comunemente denominata “ caldaia ibrida ” o “pompa di calore ibrida”.

Qual è la soluzione più adatta al riscaldamento nelle seconde case?

Tra le soluzioni più utilizzate e più convenienti per il riscaldamento delle seconde case ci sono le pompe di calore, la caldaia a condensazione e il condizionatore. Vediamo le caratteristiche di questo tipo di tecnologie e in quali situazioni possono essere più vantaggiose dal punto di vista economico e ambientale.

Pompe di calore

Pompa di calore

Le pompe di calore sono tra le soluzioni più versatili per le seconde case. Si tratta di una tecnologia avanzata e sostenibile che, sfruttando l’energia termica esterna, trasferendola all’interno per provvedere al riscaldamento dell’immobile, al raffrescamento e alla produzione di acqua calda sanitaria.

A seconda della fonte energetica utilizzata è possibile distinguere tra quattro tipologie di pompe di calore:

Caldaie a condensazione

Caldaia a condensazione

La caldaia a condensazione è una soluzione che permette, a differenza di quanto accade per la caldaia a gas tradizionale, di avere un risparmio energetico ed economico maggiore, nonché una maggiore efficienza energetica.

Gli apparecchi a condensazione recuperano il calore dei fumi di scarico e, dopo averli fatti passare attraverso degli scambiatori di calore che li raffreddano e li portano al di sotto della temperatura di condensazione, li trasformano in vapore acqueo che condensa; viene quindi liberata energia termica sotto forma di calore latente.

In questo modo, è possibile riscaldare l’ambiente o provvedere anche alla produzione di acqua calda sanitaria ( caldaia combinata ).

Climatizzatori

Climatizzatore

Il climatizzatore è una soluzione molto versatile per le seconde case, in quanto consente di climatizzare l’ambiente in qualsiasi stagione, sia d’estate che d’inverno. I climatizzatori, infatti, sono un esempio di pompa di calore aria-aria: essi trasferiscono l’energia termica tra l’aria esterna e l’interno della stanza per raffrescare o riscaldare gli ambienti all’interno di un’abitazione.

Inoltre, questi apparecchi sono in grado di provvedere all’adeguata ventilazione e deumidificazione dell’ambiente. Grazie alla funzione deumidificazione del climatizzatore infatti è possibile, soprattutto d’estate, abbassare il tasso di umidità all’interno dell’abitazione e, al contempo, raffrescare l’ambiente in maniera ottimale.

Preventivo gratuito Bosch
Richiedi un preventivo gratuito per uno dei nostri prodotti!

Con il nuovo configuratore Bosch, ti basterà rispondere a poche semplici domande per trovare la soluzione per il riscaldamento più adatta alle tue esigenze e richiedere un preventivo gratuito a cura di un nostro tecnico partner Bosch.

Richiedi subito un preventivo gratuito

Pompa di calore Bosch
Riscaldamento, climatizzazione e acqua calda sanitaria

Scopri tutte le soluzioni a marchio Bosch per la tua casa.

Prodotti